Amare è…tolleranza

La tolleranza è la capacità di sopportare situazioni che contrastano con i nostri desideri o gusti, senza arrabbiarci,lamentarci o nutrire pensieri negativi.

Quando si può essere tolleranti? Quando una persona non agisce come vorremmo, quando le ideeno i gusti di una persona sono diversi dai nostri, quando qualcosa non va come avevamo previsto o finisce male.

Essere tolleranti ci aiuta a stare bene in tutte le circostanze. Tuttavia, di fronte a ingiustizie o azioni crudeli, ci sentiamo spinti a protestare o esprimere il nostro disaccordo

Amare è…comprensione

La comprensione è la capacità di capire l’altra persona, ciò che la motiva,ciò che la frena, ciò che la confonde.  E, soprattutto, scoprire la causa di tutto questo.

Cosa bisogna tenere presente per capire una persona? Che ognuno percepisce la realtá dal proprio punto di vista particolare, secondo il suo modo di essere, la sua esperienza o il suo rapporto con ciò che vede.

Capire chi amiamo ci invoglia a dimostrargli più tolleranza.

Amare è…intimità

L’intimità è la grande forza con cui ci sentiamo uniti alle persone che amiamo e di cui ci fidiamo. Per questo, davanti a loro,non ci dà fastidio mostrarci come siamo.

L’intimità aumenta? Si. Si nutre della conoscenza che accumuliamo riguardo alle persone e si alimenta con la fiducia. Fra noi e le persone con cui siamo intimi non ci sono segreti. E questo ci regala momenti di autenticità, ci permette di ricevere il consiglio giusto, di sentirci sfiorare da una carezza nel momento in cui lo desideriamo e ne abbiamo bisogno…

Amare è…dialogo

Il dialogo è uno scambio di informazioni e opinioni che unisce le persone che vi prendono parte. Conversando, se ascoltiamo con attenzione prima di intervenire, le parole si riempiono di significato.

Quando il dialogo è ricco i temi sorgono dai nostri pensieri più frequenti, e a volte ne risvegliano altri. Ricordi, sensazioni, emozioni….

Quale tipo di dialogo ci arricchisce di più? Quello che parte dalla voglia di capire la persona con cui parliamo e conoscerla meglio. Quello in cui c’è interesse, curiosità, ascolto, attenzione..

Con questo tipo di dialogo di entra in intimità.

Amare è…fiducia

La fiducia è essere sicuri di sè, ma anche fidarsi degli altri. Fidarsi di una persona vuol dire credere che, in una situazione reale, agirà proprio come ti aspetti.

Come funziona la fiducia? È come una sfera di cristallo. Grazie al passato predice il futuro. Se quella persona ti ha sempre dato buoni consigli, quando avrai un problema sarai sicuro che varrà la pena ascoltare ciò che ti dirà.

Quando, però, qualcuno agisce in modo contrario alle tue aspettative la fiducia rischia di spezzarsi.

Quando si ama ci si fida dell’altro, la fiducia diventa un elemento fondamentale del rapporto. Confidiamo nel fatto che l’altro voglia il nostro bene ed agisce di conseguenza, e viceversa.

Amare è…sincerità

La sincerità consiste nel mostrarsi come si è,senza fingere, e nel comunicare ciò che si pensa in modo trasparente. È sempre necessario essere sinceri? Esserlo ci aiuta a costruire rapporti saldi,solidi. Tuttavia, a volte, restare in silenzio quando ciò che pensiamo potrebbe ferire l’altra persona senza portare nessun beneficio ne a lei ne alla relazione,può essere la scelta migliore.

Essere sinceri significa essere autentici,mostrare noi stessi senza filtri,senza maschere.

Amare è…pensare bene degli altri

Quando pensiamo bene degli altri, attribuiamo alle loro azioni le migliori intenzioni. Non li giudichiamo basandoci sulle loro imperfezioni o mancanze; al contrario teniamo sempre presenti le loro buone qualità e cerchiamo una spiegazione per i loro comportamenti sulla base di esse.

Che effetti ha pensare bene degli altri? Quasi magici… il mondo che ci circonda diventa accogliente: non viviamo tra mostri o minacce, ma fra esseri umani. Imperfetti, si, ma con molto amore da regalare.

Amare è…ottimismo

L’ottimismo è l’atteggiamento che permette di concentrare la nostra attenzione sulla parte positiva di ciò che abbiamo davanti a noi, di ciò che ci circonda o che ci succede. In ogni cosa c’è un aspetto positivo? Un ottimista lo troverà sempre, anche di fronte ad un imprevisto o un contrattempo. Perché quando l’aspetto positivo non sarà nel fatto in sé, il suo ottimismo lo aiuterà a scoprirlo, a scovarlo.

Il volo è stato annullato? Non importa, sfrutterò questo tempo per… (sistemare la casa come desideravo, per fare quella cosa per cui non avevo mai tempo, per riposarmi…).

L’ottimismo, poi, è contagioso. Se hai il morale a terra e non riesci a trovare lati positivi in una determinata situazione, forse la persona che ti vuole bene riuscirà a farteli vedere. E viceversa.

Amare è…cedere

Cedere significa permettere ad una persona di fare qualcosa di cui ha bisogno o che desidera. Tu vorresti andare in vacanza al mare, il tuo compagno in montagna. Sai che per lui è un periodo difficile e “cedi” alla sua volontà assecondando il suo desiderio di andare in montagna. A casa tua, stasera. tutti eccetto te, vogliono vedere un determinato film alla televisione: “cedi” e vedi anche tu, insieme a loro, il film che desiderano vedere.

Anche questo è amore. Cedere è facile? Si e no. Spesso significa anteporre gli interessi di un’altra persona ai tuoi, rinunciando a ciò che tu vorresti fare. In compenso, però, sarai gratificato e felice nel vedere la gioia nell’altra persona, la gratitudine…e a sua volta l’altro “cederà” in tuo favore per vederti felice.

Amare è…buonumore

Il buonumore è la tendenza ad essere allegri e bendisposti. Nasce da una sensazione di benessere interiore, ma può essere risvegliato anche quando non c’è (ad esempio iniziando la giornata sentendo la canzone preferita o pensando ai motivi che si hanno per essere contenti).

Il buonumore è contagioso! Anche se non tutti lo vivono con la stessa intensità. Può suscitare nell’altro un piccolo sorriso o un cambio di atteggiamento che dura tutto il giorno.

Quando si ama si tende ad essere di buonumore. Questo non significa che tutto vada sempre bene o che non ci siano problemi più o meno grandi da dover risolvere. Ma possiamo decidere come affrontare le situazioni o le relazioni: se non posso cambiare totalmente ciò che mi succede, posso però scegliere il mio umore e come vivere le mie giornate.

Cosa fai per essere di buonumore? eh già,anche qui spetta a noi coltivare questa sensazione e alimentarla affinché ci accompagni nel nostro viaggio…