L’importanza di parlare a se stessi in “positivo”

inCollage_20191002_152908392

Tendiamo spesso a parlare a noi stessi in negativo: non devi avere paura, non dovevi fare quella scelta, non dovevi comportarti cosi, non devi sentirti così… Negazione, giudizi. Che rischiano di buttarci giù e minare la nostra autostima. Vi svelerò un segreto: la mente inconscia non percepisce le negazioni. Se io dico a me stesso: non devi avere paura, il messaggio che arriva al mio inconscio sarà “avere paura”, proprio il contrario di ciò che voglio! A questo punto il mio corpo e la mia mente si attiveranno per rispondere proprio alla paura.

Proviamo, invece, ad evitare il “non” e a parlare a noi stessi positivo: coraggio, ce la farai, va bene cosi, forza. Di fronte ad una situazione che mi genera paura posso fare una scelta: dire a me stesso “non avere paura”, ma questo mi aiuterà? No,mi bloccherà. Oppure, posso dire a me stesso “coraggio, ce la farai,su”. Un messaggio positivo, di incitamento, che ci invita a non abbatterti e ci fornisce la giusta motivazione per affrontare le situazioni. Non é questo quello che spesso ci aspettiamo dagli altri? Non che ci neghino l’emozione che proviamo in quel momento (non devi avere paura), ma che ci rimandino l’idea che ce la possiamo fare, che ci diano la spinta. Iniziamo a farlo noi stessi in prima persona.

Bisogna allenarsi in questo, perché non siamo abituati. Incitarci, a volte anche consolarci, spronarci…

E tu, sei pronto a metteri alla prova?

Dott.ssa Valentina Melilli 

340 4973544